Aranciata o limonata, purché gassata e fatta in casa

19 ottobre 2010 | commenti: 0

lofaccioincasa.it - aranciata e limonata gassata fatta in casa

Avete mai sentito dire che le bibite gassate industriali fanno male? Chissà, forse è vero forse no, ma per tagliare la testa al toro, ecco il procedimento per farle in casa, velocemente e facilmente. Utilizzando frutta fresca e zucchero di canna  eliminiamo ogni dubbio su conservanti, acidi, esaltatori di gusto e roba simile.
E allora che aspettate? Munitevi di spremiagrumi e iniziate a tagliare limoni e arance.

Cosa occorre per una bottiglia da 1,5 l

  • 4 limoni o 4 arance ma che siano succosi (dipende se volete limonata o aranciata)
  • una bottiglia di acqua minerale gassata (mi raccomando, controllate che non ci sia fluoro)
  • 50 g di zucchero di canna cristallino
  • un pizzico di cannella (a chi piace)

Attrezzatura

  • uno spremiagrumi
  • un imbuto piccolo
  • un colino
  • una bottiglia da 1,5 l

Procedimento

Tagliate a metà i limoni o le arance e spremetele a fondo.
Filtrate il succo con il colino e poi versatelo in una bottiglia da 1,5 l. Potete mettere il colino direttamente sull’imbuto così filtrerete mentre colate il succo nella bottiglia (il tempo è prezioso!).
Aggiungete lo zucchero al succo e agitate bene finché lo zucchero non sarà sciolto. Se non si scioglie scaldate leggermente.
Aggiungete il pizzico di cannella.
Versate l’acqua gassata nella bottiglia con il succo.
Mettete la bottiglia nel frigo e bevete quando avrà raggiunto la vostra temperatura ideale.

Facile no?

Suggerimenti

Di suggerimenti ce ne sarebbero molti, quindi vi do quelli che mi sembrano più interessanti:

Provate a fare un infuso di menta, giusto 50 ml non di più, fatelo raffreddare e unitelo alla limonata, gli darà un sapore più adulto.
Aggiungete mezzo bicchiere di tè verde che avrete fatto raffreddare.
Aggiungete zenzero insieme o al posto della cannella.
Per evitare che perda le bollicine, scegliete un’acqua piuttosto gassata e realizzate una sola bottiglia di bevanda per volta consumandola nel corso di una sola giornata.
Per trovare la giusta quantità di zucchero sarà necessario fare delle prove e ottenere il gusto a voi più gradito.

Ecco il bello del fare in casa: potete personalizzare all’infinito finché non sarete soddisfatti o provare nuove soluzioni a partire da un’idea di base.

Letto 5.551 volte, di cui 5 oggi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>