Torta di ricotta e gocce di cioccolato

15 dicembre 2010 | commenti: 2

torta ricotta e cioccolato fondente

Questa ricetta per la torta di ricotta con gocce di cioccolato, me la consigliò un’amica, ma dimenticando di fornirmi le dosi!
Caparbiamente ho provato a realizzarla aggiustando di volta in volta le quantità, fino ad arrivare a questo risultato.
Mi pare che si possa fare…

Ingredienti

  • 2 uova tipo “0”
  • 150 g di zucchero di canna
  • 150 g di farina
  • 200 g di ricotta
  • 4 cucchiai di olio evo
  • scorza grattuggiata di limone o arancio
  • una bustina di vanillina
  • una bustina di lievito per dolci
  • 80 g di gocce di cioccolato o cioccolato fondente grattuggiato

Procedimento

  1. Sbattere le uova con lo zucchero (meglio con lo sbattitore elettrico)
  2. Aggiungere la ricotta al composto e amalgamare
  3. Aggiungere la bustina di vanillina e il lievito e amalgamare
  4. Aggiungere la scorza grattuggiata e l’olio e… amalgamare
  5. Infine aggiungere la farina continuando ad amalgamare
  6. Amalgamare, amalgamare finché l’impasto non diventa uniforme
  7. Aggiungere latte se l’impasto risultasse poco fluido
  8. Aggiungere le gocce di cioccolato e mescolare bene il composto
  9. Imburrare una teglia tonda e accendere il forno per preriscaldarlo
  10. Versare l’impasto nella teglia e cuocere in forno a 180° per 30 min (meglio se il forno è ventilato)
  11. Prima di togliere la torta dal forno, infilate uno stuzzicadenti nell’impasto e controllate se è asciutto quando ne esce. Se è ancora umido, prolungate la cottura di qualche minuto, specialmente se non avete un forno ventilato

Suggerimenti

Provate con ricotta di pecora, non ve ne pentirete.

Ricordate di non grattuggiare la scorza del limone fino al bianco perché risulterebbe amara.

La quantità delle gocce va a seconda dei gusti personali.

Fateci sapere…

Letto 785 volte, di cui 1 oggi

2 commenti

  • alessandra scrive:

    il trucco è nella prova dito! La ricotta fa brutti scherzi! Se è insipida o ne mettete troppa, poi bisogna aggiungere lo zucchero, altrimenti la torta poi non sa di nulla! Ma per non sbagliare, usate la prova dito. Prima di mettere il lievito, infilate il dito nell’impasto e assaggiate ;)
    Ripetere il procdedimento finchè non si raggiunge l’osso… ehmm, la quantità di zucchero necessario!

    • katia scrive:

      Grazie Ale, senza il tuo prezioso consiglio “della prova del dito”, non sarebbe stata la stessa cosa! Io me n’ero dimenticata!:)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>