Piatto fai da te

8 marzo 2011 | commenti: 0

Piatto fai da te | lofaccioincasa.it

Ieri ho realizzato una ricetta di cui proprio vorrei farvi partecipi. Non è complicata, può prepararla anche un bambino di due anni e mezzo.
Si tratta di un primo piatto completo o quasi, ma se volete potete pure usarlo come secondo.
Alcuni amici lo hanno utilizzato per contorno ed altri come dolce, ma credo che questi ultimi avessero fatto un po’ di confusione con gli ingredienti.
Non utilizzatelo come frutta o caffè o ammazzacaffè, ma se proprio ci tenete… ognuno è libero di fare ciò che gli pare.
Cominciamo?

Ingredienti

Dosi per x persone:

  • pasta quanto basta (in alternativa potete utilizzare il riso)
  • olio oppure burro (sempre grasso è)
  • aglio e/o cipolla e/o scalogno per il soffritto (se avete intenzione di farlo, altrimenti potete anche evitare)
  • per il condimento avete le seguenti alternative:
    • sugo di pomodoro o in bianco o pesto
    • condimento a base di carne o vegetali (o entrambi) o legumi o cereali (o quadrambi)
    • tonno con o senza sugo o anche senza tonno o  magari con altro pesce (no delfino perché specie protetta)
    • nessun condimento
  • sale e spezie (solo a chi piace)
  • ariosto o condimento speciale o specialmente condito
  • zucchero o destrosio o fruttosio o xilitolo (quest’ultimo potete ricavarlo dai chewingum allo xilitolo mediante spremitura)

Procedimento

  1. Accendete, se volete, il forno ad una temperatura compresa tra i 120 e i 220°C per circa un quarto d’ora o un’oretta al massimo o per il tempo che ritenete necessario
  2. Nel frattempo mettete sul fuoco una pentola o una padella larga, se siete abituati così, e scaldateci dentro l’olio o il burro o quello che avete deciso di utilizzare per il soffritto (se farete il soffritto altrimenti nulla)
  3. Fate il soffritto di cipolla e/o aglio e/o scalogno oppure non fatelo se avete deciso di non utilizzare un soffritto
  4. Però, prima di tutto ciò, mettete l’acqua nella pentola e portatela ad ebollizione (o quasi)
  5. Quando bolle, o anche prima, buttateci dentro la pasta o il riso o quello che preferite
  6. Attendete che ciò che avete messo nell’acqua sia cotto o anche al dente, a chi piace, e scolatelo (oppure lasciatelo in ammollo per un periodo di tempo a vostra discrezione)
  7. Unite ciò che avete scolato con il soffritto (solo per chi lo ha fatto) e mescolate con un cucchiaio di legno oppure di plastica o anche di metallo, a volte
  8. Prendete poi una bella padella tonda e larga oppure una teglia da forno e metteteci dentro la roba di cui ai punti precedenti
  9. Aggiungete il condimento prescelto (vedi: Ingredienti) oppure no, se avete scelto di non utilizzare alcun condimento
  10. Mischiate bene (sempre che ci sia qualcosa da mischiare) affinché la pasta o il riso e il condimento o il soffritto o quello che è, sia ben amalgamato con se stesso
  11. A questo punto potete infornare (se non avete spento il forno) oppure mettere in una pentola sul fuoco moderato o anche vivace in dipendenza dal tipo di condimento utilizzato, se utilizzato
  12. Quando il tutto sarà cotto, procedete con gli aromi:
    • Se avete deciso che quello che avete fatto sarà un primo piatto consiglio di metterci del sale fino o grosso o marino o iodato
    • Se avete optato per il secondo o contorno, abbondate pure con ariosto per pesce, se si tratta di pesce o ariosto per arrosto se si tratta di arrosto o ariosto per carni bianche alla griglia, se si tratta di carni bianche alla griglia, e così via…
    • Se invece avete deciso per il dolce o anche frutta o anche caffè o anche ammazzacaffè, allora utilizzate qualche dolcificante o direttamente i chewingum tagliati fini, fini
    • Se ancora non avete deciso, non metteteci nulla
  13. Portate la portata in tavola e consumatela come più vi piace, se vi piace, sennò niente
  14. Buon appetito, se deciderete di pranzare o cenare o anche colazione o merenda e/o spuntino!

Suggerimenti

Se avete deciso che sarà un primo provate ad aggiungere del parmigiano grattuggiato o granella di soja decorticata durante la cottura o bollitura o direttamente dopo che sarà cotto oppure non mettetelo proprio

Per il soffritto, se per scalogna non avete più scalogno potete sempre utilizzare dell’altro se ne avete

Non male l’idea di aggiungere sottaceti in una delle fasi del procedimento… quale fase? Be’, questo decidetelo voi!

A presto cari amici con una nuova ricetta (o anche usata)!

Letto 150 volte, di cui 1 oggi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>