Frutta fresca, salute garantita!

18 marzo 2011 | commenti: 1

Frutta fresca, salute garantita! lofaccioincasa.it

Mangiare frutta è molto importante e salutare!
Lo sanno bene i vegetariani e, in particolare i fruttariani.
La frutta è un alimento perfetto: impiega una quantità minima di energia per essere digerita e restituisce il massimo guadagno in nutrimento.

La frutta è composta principalmente da fruttosio, che può essere trasformato facilmente in glucosio (l’unico alimento che fa lavorare il cervello), e d’acqua (90-95%). È proprio grazie a questa composizione che pulisce e alimenta il nostro organismo nello stesso tempo.
Ma per permettere al nostro corpo di usare i suoi nutrienti nella maniera migliore, dobbiamo imparare a mangiarla nella maniera corretta.

La frutta deve essere mangiata a stomaco vuoto perché inzialmente non viene digerita nello stomaco, bensì nel piccolo intestino dove vengono rilasciati i suoi zuccheri. Ma se nell’intestino sono presenti altri cibi (carne, patate o amidi) la frutta rimane bloccata e fermenta provocando bruciori e un retrogusto sgradevole.

Frutta fresca, salute garantita! lofaccioincasa.itLa frutta va mangiata fresca oppure ne va bevuto il succo appena spremuto. È bene invece evitare il succo di frutta in bottiglia o brick (industriale) in quanto subisce un processo di riscaldamento che ne rende la struttura acida.
Utilizzando una centrifuga per estrarre il succo della frutta fresca, si ottiene una bevanda che si digerisce molto rapidamente, tanto che è poi possibile mangiare un pasto dopo soli 15/20 minuti.

Il dott. William Castillo, direttore di cardiologia della clinica Framington, del Massachusetts, sostiene che la frutta ci aiuta a  proteggerci dalle malattie cardiache.
La frutta contiene i bioflavonoidi (vitamina P), che mantengono il sangue fluido impedendo così l’ostruzione delle arterie. Inoltre rafforzano i capillari limitando il pericolo di emorragie interne e attacchi di cuore.

E allora che aspettate? Fatevi sotto con frutta fresca e centrifughe a volontà!

Letto 443 volte, di cui 1 oggi

1 commento

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>