A spasso per Euroflora 2011

26 aprile 2011 | commenti: 0

A spasso per Interflora 2011 -1 | lofaccioincasa.it

Quando mia figlia mi ha proposto di andare a vedere EuroFlora 2011 non pensavo minimamente che mi sarei trovata davanti a quanto di più splendido la fantasia umana possa creare con le piante e i fiori.

A spasso per Interflora 2011 -2 | lofaccioincasa.itEuroFlora 2011, ospitata nella maestosa struttura della Fiera di Genova, già all’ingresso mi ha lasciata meravigliata con due grandissime vasche piene di fiori messi l’uno accanto all’altro in modo da formare un tappeto policromo di grande effetto!

All’interno, lo spettacolo era grandioso: ho percorso vialetti lunghi, ad arco, a spigolo, a losanga, che delimitavano delle “oasi” in cui lussureggiavano fiori provenienti dai cinque continenti. C’erano due cascate alte, rumorose ed allegre, un fiumicello, laghi e laghetti disseminati ovunque. La scenografia era arricchita da statue, oggetti di marmo, grossi macigni con piante che si arrampicavano in cerca di sostegno e di luce e fari sistemati ovunque per valorizzare ciò che era esposto.

A spasso per Interflora 2011 - bonsai | lofaccioincasa.itLa struttura era suddivisa su tre livelli, con funzioni diverse, di forma circolare, cosicché dall’alto si poteva godere di una meravigliosa visione d’insieme. Nel dettaglio, poi, le singole “oasi” erano la dimostrazione di una primavera che esplodeva con tutto il suo vigore: azalee di tutti i colori, di tutte le grandezze, di tutte le varietà, sistemate in composizioni mozzafiato, glicini pendenti e ad ombrello, rododendri, bouganville variopinte, arrampicate su pergolati, su di archi formanti gallerie, rose di rara bellezza, messe insieme a formare angoli di giardino, bouquet grandissimi e composti con fiori di specie diverse, sistemati a strati, felci ad albero, ficus giganti, pini altissimi messi alle spalle delle composizioni che alla base avevano piante di altro genere ed infine fiori, fiori, tantissimi fiori! E che dire degli ulivi centenari e dei bonsai (uno aveva ben 120 anni!).

A spasso per Interflora 2011 -4 | lofaccioincasa.itLe cactacee poi, erano numerosissime, grandi, alte e imponenti o basse e robuste, messe non a far bella mostra di sé ma in composizioni capaci di esprimere e di suggerire un’idea, un’emozione.

Le orchidee di tutti i tipi erano ben custodite e protette da teche che ricreavano il loro microclima. Erano tante, tantissime e splendide!

Non posso non elogiare il gusto e la professionalità degli espositori: dei veri artisti perché solo di arte si deve parlare! Questi geni, pazienti alla ricerca di sempre nuove specie, questi collaboratori della creazione e della trasformazione della natura.

Ma la cosa che più mi ha colpita e mi ha lasciata ammirata è stata la creatività di alcuni espositori che hanno utilizzato materiale povero, di fortuna, quello che noi gettiamo, per realizzare figure incredibili. Sono bastati un pezzo di ferro ricurvo, un bastone, un sostegno di plastica, un oggetto di legno, tanti fiori e soprattutto molta fantasia. Ho visto una culla completamente tappezzata di fiori dentro e fuori, una delicata e armoniosa composizione creata con un sostegno di legno e ricoperta di tutte le verdure di stagione (zucchine, pomodori, peperoni, ecc.).

A spasso per Interflora 2011 - culla | lofaccioincasa.itHo visto un gufo alto 3 metri, un cavallo, un enorme uccello, una bicicletta, tutti realizzati con fiori, foglie e piante. La creatività, la fantasia, l’originalità, il gusto, l’immaginazione, lo stile e la raffinatezza dei creatori di tali opere andrebbero promossi e curati.

Ma se l’occhio vuole la sua parte, anche il palato reclama ed ecco spuntare ovunque, in un’area riservata, bar, ristoranti, tavole calde dove, con un servizio veloce ed ordinato venivano offerti i piatti tipici liguri (focacce di Recco, trofie al pesto, ecc.).

L’immagine bella e rilassante che mi rimane negli occhi, voglio incastonarla nella mia memoria, sicura che ricorrerò ad essa nei momenti in cui il mondo mi sembrerà cupo.

A spasso per Interflora 2011 - olivo | lofaccioincasa.itIl fiore unisce, comunica pensieri e sentimenti, ingentilisce, rallegra, abbellisce, augura, consola, insegna il rispetto della natura, ha un linguaggio universale che sensibilizza l’uomo verso l’eco-sostenibilità.

Grazie EuroFlora 2011, grazie Genova ed un grazie a mia figlia che mi ha regalato siffatte emozioni.

Letto 550 volte, di cui 1 oggi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>