Speciale frutta. La pesca: al naturale o sciroppata?

15 settembre 2011 | commenti: 0

Speciale frutta. La pesca: al naturale o sciroppata? | lofaccioincasa.it

La pesca delizia le nostre tavole per qualche mese l’anno: è bene farne vere scorpacciate perché è ricca di fosforo, potassio, ferro, vitamine, mucillagini ed essenze. Svolge azione diuretica, è leggermente lassativa e stimola la secrezione gastrica. È sicuramente meglio consumarla al naturale ma se si desidera un gradevole dessert, si può prepararla sciroppata. Per chi desidera provarci, questa è la mia ricetta.

Ingredienti

  • 1,5 kg di pesche percoche (questa qualità non si rovina durante la sterilizzazione)
  • 1 litro di acqua
  • 250 gr di zucchero
  • 4 barattoli di vetro da 1/2 litro cad. (devono avere la chiusura a vite)

Procedimento

  1. Lavare le pesche e tagliarle a metà seguendo la loro linea naturale.
  2. Prendere ogni singola pesca con le mani e girare le due metà come se si dovessero svitare.
  3. Denocciolare e sbucciare.
  4. Far bollire 1 litro di acqua, spegnere il fuoco e versare lo zucchero.
  5. Farlo sciogliere e lasciare raffreddare.
  6. Riempire i barattoli con le pesche, coprirle con lo sciroppo zuccherato e chiudere bene.
  7. Adagiare i barattoli, in posizione verticale, in una pentola.
  8. Coprirli di acqua e dal momento dell’ebollizione far trascorrere 15 minuti.
  9. Al termine della sterilizzazione, lasciare raffreddare e togliere i barattoli dall’acqua.
  10. Lasciarli capovolti per 24 ore e saranno pronti per impreziosire coppe di gelato, macedonie e dolci.

Letto 832 volte, di cui 1 oggi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>