Evviva il made in Eataly!

20 giugno 2012 | commenti: 0

Eataly Roma - il nuovo food concept store del made in Italy della famiglia Farinetti | lofaccioincasa.it

Cominciamo dai numeri: 17 mila metri quadri di spazio, abbandonati da vent’anni all’usura del tempo e interamente ristrutturati. Quattro piani, ventitré luoghi di ristoro, inaugurazione prevista per il 21 giugno, e una stima di circa settemila accessi al giorno. Tutto questo è Eataly Roma, il 19º food concept store aperto dalla famiglia Farinetti nel mondo.

C’è grande attesa intorno a questo evento, per vari motivi. Il principale è che Eataly da quando è nata, da quando nel 2007 Oscar Farinetti ha inaugurato il suo primo concept store dedicato al cibo di alta qualità made in Italy nella sua Torino, questo nome è diventato gradualmente sinonimo di buon cibo italiano.
Dici Eataly e istantaneamente ti viene in mente la pasta fatta in casa, la mozzarella di bufala, la birra artigianale, il caffè tostato express. Ecco, il clean che Nicola Farinetti usa nell’intestazione delle sue mail è “Eat better Live better” – Mangia meglio Vivi meglio.
E come dargli torto.

A legger bene l’offerta che sta per essere lanciata, viene da pensare che ci sono tutte le premesse perché diventi una vera e propria giostra del gusto per tutti i buongustai. Nel dettaglio, intanto, non poteva certamente mancare una sezione interamente dedicata alla cucina romanesca. Spazio, dove tanto per cominciare si alterneranno un mese ciascuno alcuni tra i più noti chef della tradizione tipica dei Castelli Romani, come i Fratelli Cacciani, L’Oste della Bon’Ora di Grottaferrata e poi l’inimitabile Anna Dente dell’Osteria di San Cesario.

Non solo ristoranti comunque, anche panini infatti, quindi ecco che troveremo le specialità di Alessandro Frassica della bottega ‘Ino di via dei Georgofili a Firenze, che ha rilanciato il panino farcito di prodotti rigorosamente sani e d’origine controllata. Per restare al tema del fast food, ci sarà anche la piadineria dei fratelli Maioli di Cervia.

In mezzo a questo tripudio di gusto e profumi, tutti gli amanti del fritto potranno soddisfare le proprie voglie nel punto ristoro di Pasquale Torrente del Convento di Cetara, con le sue paste fritte, alici indorate, supplì e una rivisitazione di frittata partenopea. Occhio alla dieta, per tutti i dietisti ma non solo, data la stagione estiva, caldo e afa fanno sempre venire voglia di qualcosa di gustoso ma fresco e leggero, il ristorante dedicato alla frutta e all’orto, potrà sopprimere eventuali complessi di colpa legati alla linea.

Passiamo alle cose fatte in casa, Eataly Roma sotto questo aspetto sarà il punto di ristoro e produzione più completo rispetto a tutti gli altri Eataly sparsi nel mondo. Ecco infatti presenti gli sfoglini di Mondovì di Egidio De Michelis, cento anni di esperienza nella pasta fatta in casa. Gli appassionati della pasta potranno scegliere tra pastificio Afeltra, Pastaio di Gragnano e Garofalo.

Pesce e carne tra i più selezionati in Italia. Per la carne ci si affida a Sergio Capaldo fondatore del primo presidio Slow Food e noto selezionatore di carni, per il pesce ci si affida a Nando Fiorentini che sceglie personalmente il pesce nelle aste del litorale romano.
La mozzarella di bufala verrà prodotta in casa sotto il marchio e la garanzia di Roberto Battaglia produttore di Caserta, e il caffè Vergnano e Terre Alte verrà tostato express.
Impossibile non farsi tentare dalla voglia di assaggiare e verificare il piacere di tali e tante delizie gastronomiche offerte. In attesa dell’apertura pregustando il piacere della scoperta che verrà, ci auguriamo che tali premesse non deludano il palato.

Letto 687 volte, di cui 1 oggi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>