Sapone total body al melograno, ricetta di cosmesi ecobio

1 novembre 2012 | commenti: 0

Ricetta cosmesi naturale ecobio del sapone al melograno | lofaccioincasa.it

Siamo in autunno! Cambiano i colori ed entrano prepotentemente in campo le sfumature di viola ed arancio.
In frutteria si trovano interessanti sfumature di rosso e in particolare quello acceso del melograno… e da qui, alla nostra amica Maria, viene in mente una nuova ricetta eco bio autunnale: il sapone total body al melograno!
Si tratta di un sapone ottenuto con il metodo a freddo con sconto soda del 5% e utilizza le classiche regole dello spignatto, che vi consigliamo di consultare.
Ma veniamo subito a questa nuova ricetta di cosmesi naturale.

Ingredienti

Per 2 kg di sapone

Fase grassa:

  • 1400 g di olio di oliva
  • 400 g di olio di girasole
  • 200 g di olio di germe di mais

semi di melograno per sapone total body | lofaccioincasa.itFase acquosa:

  • 100 g di semi di melograno da preparare in infuso
  • 500 g di acqua distillata
  • 20 g di sale fino
  • 265 g di soda caustica (Idrossido di Sodio – formula chimica: NaOH)

Al nastro:

  • 100 g di semi di melograno
  • 2 cucchiaini di amido di mais
  • 4 cucchiai di gel d’aloe vera
  • 40 gtt di olio essenziale alla menta verde
  • 80 gtt di fragranza di passion fruit

Procedimento

  1. Ricetta di cosmesi naturale ecobio fai da te | lofaccioincasa.itPreparare il piano di lavoro, meglio in cucina perché si hanno gli ingredienti a portata di mano
  2. Pesare gli ingredienti
  3. Versare la fase grassa in una pentola di acciaio inox abastanza alta e scaldarla sul fornello (mai farla bollire)
  4. La fase acquosa dovrà essere inserita anch’essa in una pentola di acciaio inox o in un qualsiasi recipiente resistente al calore. In questo caso, uniamo l’infuso di semi di melograno all’acqua distillata più il sale, la soda e mescolare subito con un cucchiaio di acciaio inox con il manico lungo. Non versare mai l’acqua sulla soda perché potrebbe schizzare e danneggiare la nostra pelle
  5. Quando i due liquidi raggiungono la temperatura di 45/50 °C, versare la fase acquosa negli oli e mescolare con un cucchiaio di legno o di acciaio inox dal manico lungo, poi frullare subito con il minipimer. Ci vorranno circa dieci minuti per raggiungere la cosiddetta fase del nastro, praticamente la consistenza della crema pasticciera
  6. A questo punto, possiamo aggiungere gli additivi, cioè, quegli ingredienti che non vogliamo sciupare con l’azione della soda e che vorremmo rimanessero attivi, una volta che il sapone si è formato, per i benefici effetti che possono avere sulla nostra epidermide
  7. Mescolare ancora velocemente per un secondo… il tempo di amalgamare il tutto
  8. Nell’attesa che le due fasi raggiungessero la giusta temperatura, abbiamo preparato gli stampini, preferibilmente quelli in silicone perché poi il sapone si staccherà facilmente, ma si possono utilizzare anche le confezioni in tetra pack (ad es. quelli del latte o quelli dei succhi di frutta)
  9. L’ideale sarebbe farseli in legno, ma ne parleremo in seguito
  10. Terminata anche la fase del nastro, versiamo il nostro sapone nelle formine scelte, copriamole con pellicola per alimenti, poi con delle vecchie coperte o asciugamani
  11. Lasciamo che la soda continui il suo processo di saponificazione degli oli per due giorni
  12. Dopo questo periodo, togliamo il sapone dalle formine; se abbiamo usato il tetra pack o la forma in legno, taglieremo il blocco con un coltello lungo e sottile parallelamente al lato più corto, ottenendo dei piccoli parallelepipedi simili, solo nella forma però, a quelli che possiamo trovare al supermercato
  13. Ora sistemiamoli in un posto arioso della casa a maturare per circa due mesi, coperti per non farli impolverare, dopodiché si potranno usare

Suggerimenti

L’olio di oliva o evo, è l’alimento principe del Mediterraneo, ed è l’ideale per fare il sapone. È ricco di sostanze nutrienti, produce saponi compatti e duri anche se è un grasso insaturo e anche se unito ad altri grassi insaturi. Meglio usare quello semplice d’oliva e non l’extravergine, perché costa meno e i risultati sono gli stessi.

L’olio di germe di mais ricco di antiossidanti, è adatto alle pelli più mature.

L’olio di girasole è molto idratante.

Il melograno ha proprietà nutrienti e penetra nella pelle in profondità.

L’olio essenziale di menta ha notevoli capacità rinfrescanti, tonificanti, aromatizzanti e purificanti. Utile nel trattamento delle dermatosi, di foruncoli ed eczemi.

La fragranza dà un piacevole profumo al sapone, ho usato quella alla passion fruit perché mi piace molto e la trovo in armonia con il melograno.

Letto 1.823 volte, di cui 1 oggi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>